Bando MARCHI STORICI – Per le PMI fino a 120.000 euro di contributi – Domande presentabili a partire dal 4 aprile 2017

Il Ministero dello Sviluppo Economico (MiSE), attraverso la Direzione Generale per la Lotta alla Contraffazione (DGLC) – Ufficio Italiano Brevetti e Marchi (UIBM), prosegue nell'impegno finalizzato a diffondere la cultura brevettuale e la lotta alla contraffazione ed a sostenere le PMI attraverso misure agevolative per la valorizzazione dei titoli di Proprietà Industriale, asset di valore strategico del capitale intangibile d’impresa.

Come in occasione dei precedenti Bandi recentemente promossi dal Ministero, lo Studio Giambrocono & C. S.p.A. sarà lieto di assistervi per la finalizzazione dei progetti di adesione anche a questo nuovo Bando.

Il Bando è stato pubblicato il 29 dicembre 2016 ed ha l'obiettivo di accrescere il valore dei marchi nazionali, esaltando la storia e cultura d’impresa del nostro Paese, attraverso la concessione di agevolazioni rivolte a micro, piccole e medie imprese, sostenendone i progetti di valorizzazione in relazione ai marchi "storici" (quelli, cioè, la cui domanda di primo deposito sia antecedente al 1° gennaio 1967).

Il Bando si propone di valorizzare e rilanciare a livello produttivo e commerciale i marchi nazionali storici in corso di validità, registrati presso l’UIBM (o presso l’EUIPO con rivendicazione della preesistenza del marchio registrato presso l’UIBM), non estinti per mancato rinnovo o decadenza.

Le agevolazioni previste sono finalizzate all’acquisto di servizi specialistici esterni e di beni strumentali ad uso produttivo correlati alla realizzazione del progetto di valorizzazione del marchio che deve riguardare prodotti/servizi afferenti l’ambito di protezione del marchio stesso con riferimento alle classi di appartenenza dei prodotti/servizi per le quali esso risulta registrato.

Queste sono concesse nella forma di contributo a fondo perduto in conto capitale in misura massima pari all’80% delle spese ammissibili per l’acquisizione di servizi specialistici e del 50% per l’acquisto di macchinari, attrezzature e software.

Le risorse ministeriali disponibili ammontano complessivamente a Euro 4.500.000,00, le domande presentate saranno valutate secondo l’ordine cronologico di assegnazione del protocollo on line e con procedura valutativa a sportello e saranno assegnate fino ad esaurimento delle risorse stesse.

Sarà possibile presentare le domande a partire dalle ore 9.00 del 4 aprile 2017.

Sono ammesse alle agevolazioni previste dal presente Bando le imprese che, alla data di presentazione della domanda di agevolazione, siano in possesso dei seguenti requisiti:

  • a) avere una dimensione di micro, piccola o media impresa, così come definita dalla Raccomandazione 2003/361/CE del 6 maggio 2003 e dal Decreto del Ministro delle Attività Produttive del 18 aprile 2005 e s.m.i.;
  • b) avere sede legale e operativa in Italia;
  • c) essere regolarmente costituite, iscritte nel Registro delle Imprese e attive;
  • d) non essere in stato di liquidazione o scioglimento e non essere sottoposte a procedure concorsuali;
  • e) non avere nei propri confronti cause di divieto, di decadenza o di sospensione di cui all’art. 67 della vigente normativa antimafia (D. Lgs. n. 159/2011 e s.m.i.).

Il progetto deve riguardare la valorizzazione di un marchio, come sopra individuato, di cui l’impresa richiedente l’agevolazione, alla data di presentazione della domanda, sia titolare o in possesso di un accordo di licenza esclusiva e totale con un soggetto che ne detiene la titolarità.

  • Il marchio, come sopra definito, può essere oggetto di una sola domanda di agevolazione.
  • In caso di licenza l’impresa richiedente l’agevolazione deve essere in possesso di un contratto di licenza esclusiva per l’utilizzo del marchio per la totalità dei prodotti e/o servizi e nel territorio per il quale il marchio è registrato. In tal caso la domanda di agevolazione potrà essere presentata esclusivamente dal licenziatario.
  • Il contratto di licenza dovrà avere, dalla data di presentazione della domanda, una durata residua di almeno 36 mesi.
  • In caso di licenza non esclusiva la domanda di agevolazione potrà essere presentata unicamente dall’impresa titolare del marchio con le caratteristiche di cui sopra.
  • La durata massima di realizzazione del progetto è pari a 9 mesi dalla notifica del provvedimento di concessione dell’agevolazione.

Non possono richiedere la misura agevolativa le imprese escluse dagli aiuti de minimis, né quelle che abbiano procedimenti amministrativi in corso connessi ad atti di revoca per indebita percezione di risorse pubbliche.

Il progetto di valorizzazione, compilato utilizzando il modello predisposto, può prevedere due fasi, la prima delle quali obbligatoria, la seconda facoltativa:

  • Fase 1 – Valorizzazione produttiva e commerciale del marchio -OBBLIGATORIA,
  • Fase 2 – Servizi di supporto -FACOLTATIVA.

La Fase 1 prevede agevolazioni per attività volte alla valorizzazione produttiva e commerciale del marchio e dei prodotti/servizi ad esso correlati.

In questo contesto, sono ammissibili le spese per:

  • a) Realizzazione di prototipi e stampi;
  • b) Acquisto di nuovi macchinari e attrezzature ad uso produttivo nonché hardware, software e tecnologie digitali funzionali all’ammodernamento e all’efficientamento produttivo, strettamente connessi allo sviluppo del progetto;
  • c) Consulenza tecnica finalizzata all’ammodernamento e all’efficientamento della catena produttiva, strettamente connessa allo sviluppo del progetto, anche dal punto di vista energetico – ambientale;
  • d) Consulenza specializzata nell’approccio al mercato: progettazione di strategia commerciale, progettazione di azioni di marketing e di comunicazione.

Per la Fase 1 l’importo massimo dell’agevolazione è pari a Euro 65.000,00.

La Fase 2 prevede agevolazioni per attività volte al rafforzamento del marchio, alla sua estensione a livello comunitario e/o internazionale nonché all’ampliamento della sua protezione mediante la registrazione dello stesso marchio in ulteriori classi di prodotti/servizi in coerenza con l’oggetto sociale della PMI richiedente l’agevolazione.

In questo contesto, sono ammissibili (se accompagnate dalla richiesta di almeno un altro servizio di cui alla Fase 1 ) le spese per:

  • a) Consulenza per l’attività di sorveglianza mondiale del marchio effettuata nel corso della durata del progetto, per monitorare e prevenire azioni di contraffazione;
  • b) Consulenza legale per la tutela da azioni di contraffazione del marchio, di cui al punto 6 del Bando;
  • c) Consulenza per la realizzazione di ricerche di anteriorità del marchio, di cui al punto 6 del Bando, finalizzate alla sua estensione a livello comunitario o internazionale;
  • d) Consulenza per la realizzazione di ricerche di anteriorità del marchio, di cui al punto 6 del Bando in ulteriori classi di prodotti/servizi;
  • e) Tasse di deposito presso UIBM o presso EUIPO;
  • f) Tasse sostenute presso UIBM o EUIPO e presso OMPI per la registrazione internazionale;
  • g) Assistenza per il deposito.

Le spese relative alle precedenti lettere “c”, “d”, “e”, “f” e “g” possono essere riconosciute solo a fronte dell’avvenuto deposito della domanda di registrazione del marchio e della sua successiva pubblicazione nei bollettini UIBM o EUIPO e/o nel registro OMPI al momento della presentazione della domanda di agevolazione.

Le attività di consulenza e assistenza cui si riferisce la Fase 2 sono agevolabili solo se svolte da consulenti in proprietà industriale abilitati o da avvocati.

Per la Fase 2 l’importo massimo dell’agevolazione è di Euro 15.000,00.

Ciascuna impresa può presentare più richieste di agevolazione aventi ad oggetto – ognuna di esse – un diverso marchio fino al raggiungimento dell’importo massimo (complessivo) dell’agevolazione, per impresa, di Euro 120.000,00.

  • In caso di insufficienza dei fondi l’ultima domanda istruita con esito positivo è ammessa alle agevolazioni fino alla concorrenza delle risorse finanziarie disponibili.
  • L’istruttoria si conclude entro il termine di 120 giorni dalla data di assegnazione del protocollo attribuito mediante compilazione del form on line.

Il Form per l'assegnazione del numero di protocollo per la partecipazione al Bando sarà attivo a partire dalle ore 9.00 del 4 aprile 2017.

Link al testo completo del Bando:

http://www.uibm.gov.it/attachments/article/2008229/1%20Bando_Marchi_1967.pdf

Giambrocono & C. S.p.A.

Fondata nel 1921, da oltre novant'anni ci occupiamo di Marchi, Brevetti, Design, Diritti d'Autore, riassegnazione nomi a dominio e consulenze tecniche di parte.
Operiamo con oltre 70 collaboratori in tre uffici e possiamo considerarci uno dei maggiori studi di consulenza italiani in Proprietà Industriale.
Grazie ad una rete di corrispondenti ben collaudati siamo in grado di operare in qualsiasi paese del mondo.

Connet With Us   

Sede Principale

Indirizzo: via Rosolino Pilo 19/B - 20129 Milano
Tel: (+39) 02 29404751
Fax: (+39) 02 29404531
Website:  www.giambrocono.com
Email:  Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo.

Privacy e Cookies

Giambrocono & C. S.p.A.
Sede Legale: Via Rosolino Pilo, 19/b - 20129 Milano
Partita IVA 01698140157
Capitale sociale 1.000.000 euro i.v.
Codice Fiscale e numero iscrizione CCIAA-MI 01698140157 REA MI 872506

PRIVACY

Questo sito utilizza cookie.
Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all’uso dei cookie.
Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie vai alla sezione privacy facendo click sul pulsante "DETTAGLI"