ARGENTINA - Modifiche e novità legislative

Il 3 giugno 2019 è entrata in vigore in Argentina la nuova Legge sulla Proprietà Intellettuale, della quale riassumiamo le principali modifiche.

La più importante riguarda il requisito dell'uso di un marchio.

Il titolare del marchio è tenuto a presentare una dichiarazione d'uso giurata (Mid-Term Sworn Statement) tra il 5 ° e il 6 ° anno successivi alla data di registrazione.

L'obbligo di presentare la dichiarazione d'uso interessa tutte le registrazioni e i rinnovi che, a partire dal 12 gennaio 2018, hanno compiuto cinque anni dalla data di registrazione: il termine, quindi, è di un anno a partire dal quinto anno dalla data di registrazione, fino al sesto anniversario da tale data.

Per le registrazioni e i rinnovi che hanno compiuto cinque anni dalla data di registrazione tra il 12 gennaio 2018 e il 12 gennaio 2019 (quindi per tutti i marchi registrati tra il 12 gennaio 2013 e il 12 gennaio 2014) è stato concesso un termine al 12 gennaio 2020 per l'adempimento di tale requisito.

Non è necessario presentare effettive prove di uso, il deposito della dichiarazione è sufficiente.

Se la dichiarazione giurata non viene presentata entro il termine, sarà possibile presentarla in un secondo momento, pagando una tassa aggiuntiva e cumulativa.

Nel frattempo, salvo siano presentate azioni di cancellazione per non uso da parte di terzi interessati, il marchio mantiene il suo vigore.

Se il marchio è stato utilizzato solo per un numero limitato di prodotti o servizi, la dichiarazione d'uso giurata sarà limitata a quei prodotti o servizi.

Ciò non comporta alcuna conseguenza immediata sulla validità del marchio, che continuerà a restare in vigore per tutti i prodotti e servizi per i quali era stato concesso.

In presenza di un'azione di cancellazione per non uso presentata da terzi, una dichiarazione d'uso giurata limitata rappresenta una presunzione di non uso, che può però essere superata da prove, sia da una parte che dell'altra.

In assenza di uso diretto sui prodotti rivendicati, l'uso di un marchio in relazione ad attività commerciali connesse con tali prodotti (quindi per classi di servizi) è considerato un uso sufficiente in relazione ai prodotti commercializzati.

Secondo la nuova Legge Marchi, anche per rinnovare validamente le registrazioni concesse dopo il 12 gennaio 2013 è obbligatorio avere presentato in tempo la dichiarazione d'uso giurata e versato le relative tasse.

Altre modifiche interessanti:

1. le procedure di opposizione e di cancellazione si svolgeranno dinanzi all'Ufficio Marchi (INPI, http://www.inpi.gob.ar/) e da questo saranno decise in primo grado;

2. è stato introdotto il concetto di "secondary meaning": i segni che hanno acquisito notorietà attraverso l'uso sono registrabili come marchi;

3. le indicazioni geografiche riconosciute dal governo argentino saranno considerate come denominazioni di origine straniera o nazionale ma non possono essere registrate come marchi.

4. non è più necessario presentare una copia certificata del documento di priorità o della sua traduzione in relazione alle domande di brevetto, a meno di richieste specifiche da parte dell'esaminatore incaricato;

5. la tempistica di diverse procedure brevettuali è stata ridotta con l'attuazione del nuovo quadro normativo (in particolare in relazione ai termini per il pagamento delle tasse di esame, per la presentazione tardiva di disegni, per il sequence listings, ecc.).

6. è consentita la presentazione di domande di brevetto per design multiplo, fino a 20 disegni e modelli, se appartenenti alla stessa classe della Classificazione di Locarno;

7. sarà possibile presentare osservazioni di terzi nei confronti di domande per modelli di utilità.

Da ultimo, è stato anche deciso un incremento delle tasse ufficiali di circa il 30% ed è stata anche introdotta una nuova tassa per richiedere l'esame accelerato della prosecution per le domande di brevetto.


Il nostro Studio (https://www.giambrocono.com) è a disposizione per ulteriori informazioni e per fornire l'assistenza necessaria per le varie procedure.

Giambrocono & C. S.p.A.

Fondata nel 1921, da oltre novant'anni ci occupiamo di Marchi, Brevetti, Design, Diritti d'Autore, riassegnazione nomi a dominio e consulenze tecniche di parte.
Operiamo con oltre 70 collaboratori in tre uffici e possiamo considerarci uno dei maggiori studi di consulenza italiani in Proprietà Industriale.
Grazie ad una rete di corrispondenti ben collaudati siamo in grado di operare in qualsiasi paese del mondo.

Connet With Us   

Sede Principale

Indirizzo: via Rosolino Pilo 19/B - 20129 Milano
Tel: (+39) 02 29404751
Fax: (+39) 02 29404531
Website:  www.giambrocono.com
Email:  Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo.

Privacy e Cookies

Giambrocono & C. S.p.A.
Sede Legale: Via Rosolino Pilo, 19/b - 20129 Milano
Partita IVA 01698140157
Cod. Destinatario (Codice ODA): SUBM70N
Capitale sociale 1.000.000 euro i.v.
Codice Fiscale e numero iscrizione CCIAA-MI 01698140157 REA MI 872506

POLIZZA DI ASSICURAZIONE PER LA RESPONSABILITÀ CIVILE PROFESSIONALE
Polizza assicurativa #109H5277 Zurich Insurance €3.600.000

PRIVACY POLICY

COOKIES POLICY

Questo sito utilizza cookie.
Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all’uso dei cookie.
Se vuoi saperne di più vai alla sezione Cookies Policy facendo click sul pulsante "DETTAGLI"