DDL A DIFESA DEI MARCHI STORICI

Marchi storici vietati a chi delocalizza all’estero!

Si tratta della proposta di ddl nata sull'onda del “caso Pernigotti” e presentata il 26 febbraio alla Camera per «la tutela dei marchi storici nazionali di alto valore territoriale», il cui scopo dichiarato è quello di "evitare che le aziende italiane che hanno fatto la storia del tessuto produttivo italiano entrino nel portafoglio di aziende estere".

La proposta depositata è composta da soli sei articoli.

I "marchi storici" sono quelli di aziende nazionali produttive di eccellenza storicamente collegate a uno specifico luogo di produzione e la cui domanda di registrazione sia stata depositata da più di cinquant'anni.

Al Ministero dello Sviluppo Economico è demandato il compito di redigere e tenere un «elenco dei marchi storici nazionali di alto valore territoriale» che "riunisca le imprese nazionali che, a partire dal loro insediamento, si siano sviluppate in uno specifico sito di produzione italiano raggiungendo l’eccellenza nel proprio settore".

Viene anche istituito il Comitato per il controllo sui marchi storici di alto valore territoriale, con il compito di vigilare sui livelli produttivi degli stabilimenti principali delle imprese titolari di marchi storici e sulle conseguenze dell’eventuale apertura di nuovi stabilimenti in altre aree. A seguito dell’iscrizione nell’elenco, le imprese nazionali godono di una speciale tutela.

Il punto focale del provvedimento è però quello relativo allo stop all'utilizzazione di marchi da parte di acquirenti che, rilevando un'azienda, decidessero di spostare la produzione.

Chiunque decida di acquisire l'azienda sarà infatti vincolato a mantenerne la produzione principale nel comune in cui lo stabilimento produttivo era situato alla data di registrazione del marchio.  In caso contrario decadrà dal diritto all'utilizzo del marchio stesso  (Art. 5).

Le imprese iscritte nell’albo hanno la possibilità di aprire nuovi stabilimenti all'estero, purché -per la conservazione dei diritti sul marchio storico- venga mantenuta e non venga ridotta la produzione anche nello stabilimento principale in Italia.

I promotori dell'iniziativa hanno parlato di difesa del consumatore, "che deve sapere cosa compra e deve sapere se un certo prodotto è di una multinazionale straniera che spaccia per made in Italy cose che non lo sono"; se vuoi usare i marchi italiani devi produrre qui".

Nulla da eccepire. Ma che questo risultato si possa effettivamente raggiungere grazie alle previsioni e all'eventuale applicazione del nuovo ddl, purtroppo, non è detto.

Giambrocono & C. S.p.A.

Fondata nel 1921, da oltre novant'anni ci occupiamo di Marchi, Brevetti, Design, Diritti d'Autore, riassegnazione nomi a dominio e consulenze tecniche di parte.
Operiamo con oltre 70 collaboratori in tre uffici e possiamo considerarci uno dei maggiori studi di consulenza italiani in Proprietà Industriale.
Grazie ad una rete di corrispondenti ben collaudati siamo in grado di operare in qualsiasi paese del mondo.

Connet With Us   

Sede Principale

Indirizzo: via Rosolino Pilo 19/B - 20129 Milano
Tel: (+39) 02 29404751
Fax: (+39) 02 29404531
Website:  www.giambrocono.com
Email:  Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo.

Privacy e Cookies

Giambrocono & C. S.p.A.
Sede Legale: Via Rosolino Pilo, 19/b - 20129 Milano
Partita IVA 01698140157
Cod. Destinatario (Codice ODA): SUBM70N
Capitale sociale 1.000.000 euro i.v.
Codice Fiscale e numero iscrizione CCIAA-MI 01698140157 REA MI 872506

POLIZZA DI ASSICURAZIONE PER LA RESPONSABILITÀ CIVILE PROFESSIONALE
Polizza assicurativa #109H5277 Zurich Insurance €3.600.000

PRIVACY POLICY

COOKIES POLICY

Questo sito utilizza cookie.
Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all’uso dei cookie.
Se vuoi saperne di più vai alla sezione Cookies Policy facendo click sul pulsante "DETTAGLI"